Sport, sorrisi e solidarietà a #Napoli

Sport, sorrisi e solidarietà a #Napoli

Sport, sorrisi e solidarietà a #Napoli per aiutare i #bambini in ospedale. Grande partecipazione, ieri sera, per la cena solidale “Sorridere. Lo Sport che fa bene alla salute”, promossa per sostenere le attività di #DottorSorriso e Just Children Onlus. In occasione della serata sono state organizzate una lotteria e un’asta benefica con oggetti donati da sportivi e dai numerosi sponsor presenti. Tra i partecipanti anche alcuni generosi calciatori del Napoli. I nostri #NasiRossi ringraziano tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa e tutti gli sponsor che l’hanno sostenuta ❤

Ecco un Trailer della serata

 

Alcune foto della serata

Meraviglioso Albiol, maglia scambiata con Brozovic per Peppe, tifoso interista malato di SLA

Meraviglioso Albiol, maglia scambiata con Brozovic per Peppe, tifoso interista malato di SLA

Stamattina Raül Albiol ha presenziato alla partita di beneficenza per Peppe, un ragazzo di Pomigliano malato di SLA. Lo spagnolo ha omaggiato Peppe, tifoso interista, con la maglia appositamente scambiata con Brozovic alla fine della gara di San Siro. La migliore risposta agli episodi razziali della partita di Milan l’ha data questa mattina Raul Albiol facendo una sorpresa allo sfortunato tifoso e per il quale gli amici avevano organizzato la partita del cuore. Raul si è presentato a sorpresa sul campo prima dell’inizio della gara portando in dono al tifoso la maglia del suo beniamino.

Fonte Tuttonapolinet

Ghoulam e Koulibaly in vista al nuovo reparto di neurologia al Santobono

Ghoulam e Koulibaly in vista al nuovo reparto di neurologia al Santobono

Appena rientrati da Liverpool Ghoulam Faouzi e @kkoulibaly26 hanno voluto fare visita ai bambini del reparto di neurologia e chirurgia di urgenza dell’ospedale Santobono di Napoli portando in dono ai piccoli degenti maglie e palloni autografati e concedendosi a foto ed autografi per tutti! Nella vita c’è sempre un motivo per amare e per sorridere. Grazie anche alla dr.ssa Flavia Matrisciano, al dr. Della Vecchia e al dr. Salvatore Buono e al direttore sanitario per averci accolto con affetto e ospitalità uniche nei loro reparti. Vi voglio bene.

Grazie Pepe! Che grandissima uscita!

Grazie Pepe! Che grandissima uscita!

Lo avevamo promesso.

Lo avevamo promesso a questi bambini. Lo dovevamo a questi splendidi bambini. Veri e propri Angeli. Lo dovevamo alle loro mamme. Ai loro papà. Loro, un po’ più tristi. Lo dovevamo a questi piccoli Angioletti, cui bisogna cercare sempre di regalare un sorriso.

Il Pausillipon.

Un posto davvero particolare.

Un posto dove non è possibile non provare emozioni forti.

Un panorama mozzafiato sul golfo di Napoli. Sospeso tra il Paradiso e l’inferno, come mi ha detto, oggi, un nuovo amico che lavora lì.

Eh già…

Un posto che sa essere triste ma al tempo stesso magico. Bellissimo ma anche no.

Grande sofferenza ma altrettanta dignità e tanto, tanto amore e tanta umanità.

Ancora una giornata di splendide emozioni. Ancora una giornata speciale.

Cercando il sorriso di un bambino, cercando il sorriso di una mamma.

Stretti in un abbraccio con un papà.

Circondati da Angeli dal camice bianco.

È davvero difficile accettare. Impossibile capire.

Ma nessuno può mai permettersi di spegnere il sorriso di un bimbo.

E nessuno può mai permettersi di rubare la Speranza di una Mamma.

Grazie infinite agli Angeli in camice bianco del Pausillipon.

Grazie alla Fondazione Santobono Pausillipon.

Grazie a Laura e Flavia.

Grazie di cuore per tutto quello che fate.

Noi di 17su24.it siamo onorati di aver contribuito a realizzare anche questo evento. Insieme con Just Children Onlus.

Grazie a Franco per avere portato Pepe Reina da questi bambini.

Grazie a Pepe. Grazie Campione.

Splendido grande campione tra questi piccoli ma grandissimi campioncini.

Momenti indimenticabili.
Groppi alla gola e lacrime.
Ma anche sorrisi.
Tanti sorrisi di bambini. I più belli.
Ed occhi sgranati di bimbi increduli.
Sofferenti ma eroici.
Qualche stanza chiusa.
I bimbi stanchi nella penombra. Scusa…posso entrare? Sai, ti ho portato un regalino…
Pepe Reina?
Siiiiiiiiiiiiiiiiii!!! Certo che puoi entrare.
Ciao!
Le stanze si illuminano…i bambini di più.
Sulle facce provate e stanche delle mamme nasce un sorriso assolutamente inaspettato.
Ed è una piccola festa.
Un piccolo momento di svago.
Grazie.
Ma grazie a voi.
Davvero.
Momenti indimenticabili.
Visi indimenticabili.
Fotografie indimenticabili.
Uno tra i tanti…
Oncologia.
Dobbiamo consegnare la maglia firmata velocemente ad una bambina. Perché deve andare in sala operatoria di là a poco.
Non ho il coraggio di chiedere che intervento deve fare. È bellissima ma imbronciata.
Prende la maglia appena autografata che all’inizio non voleva. Poi fa la foto con Pepe e le torna il sorriso. E torna anche, seppur amaro e pieno di paura, alla splendida mamma.
Il papà, un omone, più grosso di Pepe, guarda la sua principessa ed è per un breve attimo felice. Salutiamo. Stiamo andando via.
Il papà scoppia a piangere. Disperato.

Pepe si volta, tutti ci voltiamo. Pepe torna indietro e lo abbraccia.
Con tutta la forza che ha. Sperando di trasmettergliela. Tutta. A costo di non averne più lui.
Passa qualche lungo secondo.
Sembrano minuti, ore.
Fuori dal tempo.
Poi la bimba sorride e guarda il nostro portierone. È felice. Papà non piange più…
Grazie Pepe…
Piccola…perché mi guardi così…guarda che io e papà siamo amici…stavamo a scuola insieme…

Grazie. Grazie davvero.

 

Articolo a cura di Felice Antignani [17su24.it]

Grazie Raul! Un raggio di sole al Santobono…

Grazie Raul! Un raggio di sole al Santobono…

L’ospedale è una scuola di vita.
Un posto che a volte sa essere magico.
No, non è un luogo comune, ne’ tanto meno una banalità.
In ospedale c’è tanta sofferenza, ma altrettanta dignità e tanto, tanto amore ed umanità.
Lo scrivo con un pochino di cognizione di causa, avendo, ahimè, passato parecchi mesi,negli ultimi due anni, in ospedale. Nel mio ospedale. S.Giuseppe Moscati di Avellino. Ematologia. La mia seconda casa.
Non ero mai stato, però, prima in un reparto pedriatico di lungodegenza.
Devo ringraziare mio fratello e Franco per avermi permesso di esserci questo pomeriggio. Devo ringraziare la loro passione e dedizione.
Un pomeriggio di splendide emozioni.
Un pomeriggio davvero speciale, perché niente al mondo vale quanto il sorriso di un bambino o l’abbraccio affettuoso di una mamma al suo piccolo.
Un pomeriggio insieme a grandi uomini e grandi donne, Angeli dal camice bianco ed azzurro.
Un pomeriggio insieme ai grandissimi piccoli ometti e alle piccole donne dell’ospedale pediatrico Santobono.
È difficile davvero. Dura da capire.
Ma forse non bisogna nemmeno capire.
Angeli dal camice bianco ed azzurro e piccoli angeli coi pigiamini.
In quei lettini e quelle cullette.
Spesso attaccati a macchinari sofisticati.
Spesso davvero piccoli.
Troppo forse per stare lì.
È difficile da capire.
E negli occhi, provati da nottate insonni delle mamme, vedi nitida la paura e l’angoscia, anche se non manca mai la dignità ed un filo di speranza.
E negli occhi, vispi ma un po’stanchi, dei piccoli angeli vedi comunque quella luce, anche se traspare sempre un velo, assurdo, surreale, di malinconia.
Ma nessuno può mai spegnere il sorriso di un bimbo.
E nessuno può mai rubare la Speranza di una mamma.
E non bisogna scappare da queste immagini. Da questi visini.
Né si può rifuggire da questi luoghi. Anzi.
Stiamo vicino a questi piccoli angeli coi pigiamini. Ne hanno bisogno. Ne hanno bisogno le loro famiglie devastate.
Mi raccomando!
Grazie infinite al professor Salvatore Buono che ci ha aperto le porte del reparto di Neurologia.
Grazie al suo impareggiabile staff.
Grazie a Maurizio Nespoli, direttore del reparto riabilitazione ed alla sua squadra.
Grazie a tutte le donne e gli uomini dell’Ospedale Santobono e del Pausillipon.
Grazie a Flavia ed alla Fondazione Santobono Pausillipon che vi invitiamo a sostenere in tutti i modi per ovvi motivi.
Grazie di cuore a tutti per quello che fate.
Noi di 17su24.it, insieme con Just Children Onlus siamo onorati di aver contribuito a realizzare l’evento. E non sarà l’ultimo, ve lo promettiamo…
Un bellissimo raggio di sole sul viso dei bimbi di neurologia del Santobono di Napoli.
Grazie a Franco e Fili per avere portato Raùl Albiol a questi bambini.
Grazie a Raùl, campione del mondo di bontà, gentilezza e disponibilità per essere venuto.
È bastata qualche firma su qualche pallone.
È bastata qualche foto.
È bastata la presenza e la generosità di un grande uomo.
Per donare sorrisi e gioia ai bimbi.
Per far tornare, come di incanto, per qualche ora, a far splendere il sole del sorriso sui loro visini.

Articolo a cura di Felice Antignani [17su24.it]